Giorgetti: Draghi al Quirinale per il bene dell’Italia

Per il ministro Draghi come De Gaulle; se rimarrà premier sarà difficile riconfermare Mattarella.
Berlusconi ha poche speranze; spunta il nome di Casini?

Stando a quanto sostenuto durante un’intervista rilasciata a “La Stampa” dal ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, i prossimi sette anni della politica italiana dipenderanno dalle scelte di Mario Draghi.

Secondo Giorgetti, per il bene del Paese è necessario che l’attuale premier “vada subito al Quirinale”; quanto al governo, invece, “che si facciano le elezioni e che governi chi le vince”.

Più precisamente, Giorgetti ha evidenziato questa importanza con le seguenti parole:

Draghi diventerebbe De Gaulle; forse il parlamento italiano non è pronto a eleggere il nuovo De Gaulle, ma questo è l’interesse del Paese.

Il problema, sempre secondo il proprietario del Mise, sarebbe come gestire i fondi europei senza Draghi al Colle:

Li butteranno via (inteso gli eventuali successori), oppure non li sapranno spendere.”

La preoccupazione è tale che Giorgetti vorrebbe che Draghirimanesse lì per tutta la vita”, ma entrando in una fase calda della campagna elettorale il ministro teme che i partiti “smetteranno di coprire Draghi e si concentreranno sugli elettori”, compiendo “scelte politicamente sensibili” che porterebbe molto probabilmente a posizioni contrastanti.

Di contro, nel caso in cui Mario Draghi rimanesse nella posizione di premier, ci si dovrebbe chiedere chi salirà al Quirinale.

La riconferma di Mattarella non è così sicura, dato che moto probabilmente troverebbe l’opposizione di Fratelli d’Italia ma anche dello stesso Salvini.

Il nome di Silvio Berlusconi come nuovo Presidente della Repubblica anche pare non essere particolarmente supportato.

Ecco allora il nome che lo stesso ministro Giorgetti butta nella mischia: Pier Ferdinando Casini, ed aggiunge “è amico di tutti, no?”

Si dimette Durigon, sottosegretario all’economia

La decisione arriva dopo l’incontro con Salvini.
Critiche per la proposta di reintitolare un parco al fratello del Duce.

Si è dimesso Claudio Durigon, sottosegretario all’economia ed esponente della Lega.

La decisione di lasciare la carica è arrivata dopo un incontro con il segretario di partito, Matteo Salvini; queste le sue parole dopo l’incontro:

Ho deciso di dimettermi dal mio incarico di governo che ho sempre svolto con massimo impegno, orgoglio e serietà.

La lettera è stata diffusa dal partito e Durigon ha poi aggiunto di aver preso la decisone “per uscire da una polemica che sta portando a calpestare tutti i valori in cui credo, a svilire e denigrare la mia memoria affettiva, a snaturare il ricordo di ciò che fecero i miei familiari proprio secondo quello spirito di comunità di cui oggi si avverte un rinnovato bisogno.”

La polemica in questione è quella legata al parco comunale di Latina, dal 2017 intitolato ai giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, che l’ex sottosegretario proponeva di reintitolare ad Arnaldo Mussolini, fratello del Duce.

(Foto da internet)

Berlusconi: il centrodestra farà il partito unico

Progetto per le prossime elezioni.
Il leader di Forza Italia si dichiara ottimista per il futuro.

Un partito unico del centrodestra per le prossime elezioni, che vincerà e governerà per molti anni in futuro.

Questa è l’idea di Silvio Berlusconi che, in un’intervista rilasciata a La Stampa, dichiara quanto di seguito:

Sono decisamente ottimista. Nella mia vita ho realizzato molti progetti che tutti consideravano impossibili. Ventisette anni di centrodestra, che si fondano su valori e programmi condivisi, non si cancellano perchè ci siamo divisi su una scelta specifica, per quanto importante. Il centrodestra, che io ho fondato, è scritto nel cuore degli italiani. Andremo uniti con un programma comune alle prossime elezioni, le vinceremo e governeremo bene per molti anni a venire.”

Il leader di Forza Italia, in merito alle defezioni del suo partito e la necessità di una moratoria tra gli alleati di Lega e Fratelli d’Italia, aggiunge poi:

Forza Italia e la necessità di una moratoria tra gli alleati di Lega e Fratelli d’Italia, Berlusconi aggiunge: “Ne ho parlato con Giorgia e con Matteo, e sono sicuro che episodi simili non si ripeteranno. Del resto, rispetto le decisioni di tutti, anche se non ho capito certe scelte. Forza Italia è l’unica forza politica davvero coerentemente liberale, cristiana, europeista, garantista. Siamo gli unici a batterci contro l’oppressione fiscale, l’oppressione burocratica, l’oppressione giudiziaria. Forza Italia ha una funzione essenziale non solo oggi ma soprattutto per il futuro, anche nel partito unico, quando nascerà.