Coronavirus, cosa c’è dietro?

Cosa c’è dietro al virus che sta spaventando il mondo intero?
America, Cina, Italia, Francia, Germania, Ue, Iran, Russia ed Israele: qual è l’intreccio geopolitico degli attori in gioco?

Ci sono molte ombre dietro a quello che sta accadendo.

C’è un virus che parte da Wuhan, in Cina, e si diffonde in tutto il mondo.

Dicono che sia geneticamente molto simile al virus della Sars, l’influenza aviaria, ma che sia più forte e che abbia alcune peculiarità dell’HIV; che colpisca le vie respiratorie, sopravviva nell’aria per 30 minuti e sulle superfici addirittura per 9 giorni (ricerca tedesca).

I sintomi sono simili all’influenza: febbre, tosse secca, mal di gola e difficoltà respiratorie come da affaticamento.

Il periodo di incubazione è di 2 settimane. Durante questo periodo, si è asintomatici ma comunque contagiosi.

Ci hanno detto che il virus è nato dai pipistrelli e dai serpenti, che poi è mutato divenendo trasmissibile all’uomo. Poi però ci dicono che il virus non attacca gli animali domestici da compagnia; com’è possibile?

Ci hanno detto che il virus è solamente una forte influenza e che a causa del virus muoiono “solo” le persone anziane o che avevano già problemi pregressi. Poi però, vediamo che il medico cinese che ha scoperto il coronavirus è morto da contagio, non aveva patologie pregresse ed aveva 34 anni; perché è l’unico giovane morto di coronavirus?

L’Oms dice che ci vorrà circa un anno e mezzo per trovare il vaccino. Ma poi vediamo che nel pieno dell’emergenza sanitaria in Europa, proprio mentre tutti gli Stati effettuano divieti e limitazioni chiudendo trasporti e frontiere, l’America invia in Europa 30.000 soldati più almeno altrettante attrezzature militari (nonostante o stesso Trump avesse chiuso le rotte aeree dall’Europa per 30 giorni). A cosa servono questi militari?

La versione ufficiale è l’addestramento “Defender Europe 2020“; ma perché un addestramento sarebbe tanto importante da sottoporre al rischio contagio i soldati? E a quale pericolo di attacco sarebbe sottoposta l’Europa se l’operazione, traducendo, si chiama “difensore dell’Europa 2020“?

Perché la Germania punto tanto il dito contro l’Italia dicendo che non ha controllato come doveva, se il primo contagio in Europa è partito dalla Baviera?

Perché ci fanno passare come gli untori del mondo e la presidente della Bce Christine Lagarde fa dichiarazioni scandalose e criminali nel momento in cui l’Italia è in piena emergenza (approfondimento al link)?

Perché Francia e Germania vietano l’export di mascherine verso l’Italia, che aveva chiesto aiuto?

Gli attori geopolitici ed i loro ruoli

Abbiamo provato ad analizzare i punti di vista di più esperti: dal noto filosofo ed autore Diego Fusaro, al giornalista e geografo Manlio Dinucci, già direttore esecutivo per l‘Italia dell’International Physicians for the Prevention of Nuclear War (associazione vincitrice del Nobel per la pace nel 1985), passando per il giornalista di geopolitica Cesare Sacchetti ed i portavoce de “Il Vaso di Pandora“.

Riassumendo i loro punti di vista, potremmo dire che il virus pare avere un’intelligenza notevole: ha colpito la Cina (approfondimento al link) nel miglior momento della sua economia, quando si stava candidando ad essere la prima potenza mondiale e proponeva velatamente lo yuan (la moneta nazionale cinese) come valuta di riferimento mondiale al posto del dollaro americano.

La Cina, inoltre, il più grande esportatore del mondo, compra buona parte del petrolio dall’Iran (attualmente uno dei Paesi più colpiti dal coronavirus). La cosa non piace assolutamente all’America che, con il pretesto degli accordi sul nucleare, voleva dichiarare guerra all’Iran (approfondimento al link). La cosa è poi sfociata nella morte di Soleimani (approfondimento al link) e la risposta iraniana (approfondimento al link).

Chi si schierò apertamente da parte dell’America, fu Israele (approfondimento al link).

Succede poi , nel frattempo, che l’Italia firma un accordo commerciale con la Cina, denominato “La via della seta“. Il medesimo accordo consiste nel dare all’Italia una posizione privilegiata nei rapporti commerciali con la Cina e brucia nel tempo sia Germania che Francia, le quali prima criticano l’Italia per l’accordo, poi corrono a farne uno a loro volta al fine di non perdere troppa concorrenza.

Per impedire che questo accordo faccia diventare l’Italia una nazione più forte appoggiata dalla Cina, entrano in scena i servizi segreti Francesi che concordano assieme a quelli tedeschi ed israeliani la strategia per mettere in un solo colpo in ginocchio l’economia cinese e quella italiana.

La Francia ha una centrale costruita nel 1934 esattamente nella città di Wuhan (maggiori informazioni cliccando su “mostra tutto/view all” al link), nella quale si mettono a punto studi su virus e batteri.

La Germania trova il kamikaze di turno che in qualità di ricercatore va nella centrale e fa uscire il virus infettandosi da solo, quindi saluta dando la mano a tutti nella centrale ed in città spargendo il virus, per poi rientrare in Germania consapevole di quello che ha appena fatto. Lui è il “paziente 0” e viene mandato in Italia, precisamente a Codogno, dove fa partire il focolaio e torna in Germania.

Gli israeliani (come visto alleati degli americani), che hanno una intelligence che è forse la migliore al mondo, molto probabilmente hanno già il vaccino pronto, ne ricaveranno valanghe di soldi e lo hanno già usato per proteggere i soldati americani arrivati in Europa (anche se non risulta ancora chiaro da chi ci debbano difendere o perché un’esercitazione sia tanto importante).

Ecco quindi che Francia e la Germania scaricano la colpa sui cinesi, gli americani colpiscono la Cina e gli israeliani si arricchiscono. L’Italia perde il suo motore economico prima perché si blocca il nord (intelligente questo virus, vero?), poi si ferma tutta per la felicità dell’asse franco-tedesco e dando ormaoi la possibilità all’Europa, tramite Fmi (Fondo Monetario Internazionale) e Mes (Meccanismo Europeo di Stabilità), di farle fare la stessa fine della Grecia, e qui torniamo alle dichiarazioni della Lagarde, che confermano che l’Ue non è altro che una dittatura europea (approfondimento al link).

La Russia resta a guardare, perché i soldati americani portati in Europa potrebbero proprio a scatenare la guerra con la Russia che l’America tanto cerca.

La Cina, per il momento, forse proprio in virtù dell’accordo commerciale firmato, resta l’unico Paese che ci sta aiutando.

Siamo troppo piccoli per sapere cosa ci sia davvero dietro a tutta la storia ma, socraticamente, solleviamo dubbi.

(Versione polacca al link – a cura di Magda Żymła)
(Versione inglese al link – a cura di Jolanta Micinska – Hercog)

Governo chiede responsabilità e offre mascherine. Rischio sciopero

Il governo rifiuta lo shutdown e chiede responsabilità offrendo mascherine e guanti.
I lavoratori: “non siamo carne da macello”.
Scioperi probabili in tutte le attività produttive.

Si sono incontrati governo e sindacati, per discutere se fare o meno lo shutdown.

Se da una parte il decreto del governo ha stabilito tutta una serie di divieti e limitazioni, dall’altra i lavoratori non si sentono tutelati dal punto di vista sanitario ed i sindacati hanno chiesto ufficialmente la sospensione di tutte le attività lavorative (approfondimento al link).

L’incontro era in programma venerdì 13 alle ore 11:00, in videoconferenza.

Ne è uscito che il governo ha respinto la richiesta di shutdown ed ha chiesto responsabilità. Più precisamente, Conte ha ringraziato per il “grande atto di responsabilità che sta compiendo chi continua ad andare in fabbrica” ed ha sostenuto l’importanza che il medesimo senso di responsabilità continui anche nei prossimi giorni.

Come contropartita al senso al senso di responsabilità richiesto, Conte ha garantito mascherine e guanti gratis per tutti.

Non sono però rimasti soddisfatti della trattativa i sindacati, con i lavoratori che esclamano “non siamo carne da macello“. Gli scioperi, quindi, sono dietro l’angolo.

La situazione rimane dunque incerta dato che l’evolversi delle cose rimane in mano ai lavoratori, combattuti tra il senso di responsabilità nazionale chiesto loro ed il mettere in gioco la propria salute.

Cosa ci ha insegnato il coronavirus

Le colpe del mercatismo, la necessità di una Banca Centrale e della Sanità pubblica, la vera faccia dell’Ue.
L’unico aiuto arriva dalla Cina.

Ogni problema che abbia un impatto di una certa portata, porta con sé una lezione da imparare e da non dimenticare.

Come abbiamo già visto, purtroppo, non è stato il caso della grande speculazione del 1992 (approfondimento al link).

Il coronavirus, che è ancora in corso, ci ha fatto capire delle cose che ormai dovrebbero essere palesi e chiare a chiunque.

Innanzitutto che darsi al mercatismo più sfrenato non è stato poi così saggio: le politiche liberiste adottate hanno distrutto la domanda interna e ci hanno resi dipendenti dall’estero.

Altro cosa che ormai resta privo di dubbi è che una Banca Centrale serve; è infatti necessario poter intervenire a supporto dell’economia nei tempi, nei modi e nelle quantità di cui si necessita, senza dover dipendere da nessuno.

Mentre la Cina immetteva nel sistema 156 miliardi di euro in un solo giorno per fronteggiare il blocco dell’economia (approfondimento al link) e la Polonia ha formalizzato un piano preventivo in cui permette alle persone di stare a casa con i figli (data la chiusura delle scuole) garantendo la retribuzione, l’Italia ha dovuto chiedere in ginocchio all’Europa di poter incrementare il deficit per fronteggiare l’emergenza.

Siamo al punto di dover chiedere se possiamo usare i nostri soldi, per poi restituirli con gli interessi; l’Ue, come se non bastasse, ci fa perdere tempo analizzando tecnicamente la situazione e stimando quanta austerity in più dovremo fare una volta passata l’epidemia per far tornare i conti a posto.

Esattamente com’era successo in occasione dei terremoti che avevano distrutto parte dell’Italia: l’Europa non riteneva che la causa fosse sufficiente ad aumentare il deficit.

Ora più che mai è chiaro che la sovranità monetaria è vitale, oltre che prevista dalla Costituzione.

Ancora, abbiamo capito che il modello della sanità pubblica è da preferirsi a quello della sanità privata: ora tutti hanno bisogno ed invocano, giustamente, l’assistenza sanitaria dello Stato, che deve garantire la salute dei suoi cittadini.

Il problema è che, proprio grazie ai diktat europei improntati sul mercatismo, negli ultimi anni abbiamo effettuato solo tagli su tagli, per la precisione 37 miliardi di euro, che visto la chiusura di ospedali e la riduzione di tutto ciò che è inerente alla sanità, dal personale alle attrezzature: l’Italia è passata dall’avere la miglior sanità al mondo, ad avere meno di 4 posti di terapia intensiva ogni 1.000 persone.

Per potere spendere, si deve prima pensare a dove aumentare le tasse in modo da recuperare i soldi necessari (approfondimento al link, dove si parla della “virus tax“), tanto che il personale ospedaliero si fa le mascherine con i fazzoletti di carta autonomamente acquistati, perché lo Stato non hai soldi per rifornire le strutture sanitarie.

Ancora una volta, ci si appella alla bontà ed alla solidarietà del popolo chiedendo donazioni volontarie: ma è uno Stato normale uno Stato che riduce a dover chiedere le donazioni ai proprio cittadini in casi di emergenza simile?

Infine, chiudendo il cerchio, abbiamo capito che l’Ue altro non è che una dittatura finanziaria: è presente solo nel farci i conti, nel dirci cosa possiamo o non possiamo fare, quante tasse dobbiamo pagare, quanto dobbiamo tagliare e dove.

Nel momento del bisogno, anziché comportarsi come un corpo unico, abbandona chi è in difficoltà, fa dichiarazioni scioccanti come quelle della presidente della Bce Christine Lagarde (approfondimento al link), e si vede sbattere la porta in faccia da Francia e Germania, che hanno vietato l’export di mascherine rifiutando la richiesta d’aiuto italiana.

Come se non bastasse, la Francia ha fatto della satira di pessimo gusto e tutti ci guardano come gli untori del mondo dopo che la Germania ci ha indicati come i colpevoli dell’espandersi dell’epidemia, ritenendoci colpevoli nei mancati controlli necessari, ma dimenticando che il contagio in Europa è partito proprio da loro, nella Baviera.

Ci ha aiutati solo la Cina, che ci ha inviato personale sanitario, attrezzature mediche e sangue di pazienti guariti da poter analizzare insieme a loro.

Dichiarazioni e speculazioni: Lagarde come Soros?

In Italia chiude tutto ma non la Borsa.
Lagarde fa crollare i mercati per poi farli rimbalzare: speculazioni come nel 1992?

Catastrofiche, shoccanti, criminali.

Questo sono state le dichiarazioni della presidente della Bce, Christine Lagarde (approfondimento al link). Una Banca centrale che non fa la Banca centrale, che non garantisce, che non è garante di ultima istanza; ognuno pensi a sé, insomma, e si salvi chi può.

Parole talmente fuori luogo da “scomodare” addirittura il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, decisamente insolito a contestare tutto ciò che sia europeo, che dal suo profilo twitter ufficiale lancia un messaggio di pacata protesta.

Dopo arriva la rettifica della Lagarde, che al fine di rassicurare i mercati dice che la Bce fa il suo dovere. Le Borse recuperano.

L’Italia è zona rossa, chiude tutto ma non chiude la Borsa; ed il ricordo vola dritto al 1992, quando lo squalo della finanza George Soros fece una colossale speculazione ai danni dell’Italia (approfondimento al link).

Naturale e spontaneo sorge dunque un dubbio: perché non si è voluto chiudere il mercato azionario in un momento di manifesta emergenza? Perché la Lagarde ha fatto un simile annuncio? Perché lo ha poi rettificato?

Certi errori da chi ricopre determinate cariche non possono essere frutto di sola ingenuità.

Con le Borse aperte, le dichiarazioni che prima affondano i mercati e poi li fanno risalire, chi ha guadagnato speculando sulla situazione?

Italia: shutdown dietro l’angolo?

Incontro tra sindacati e governo per decidere la sospensione delle attività lavorative.
Minacciato lo sciopero.

I sindacati chiedono lo stop delle fabbriche fino al 22 marzo, al fine di sanificare gli ambienti e non sottoporre i lavoratori ad un maggior rischio di contagio.

Qualora lo stop non venga concordato da parte del governo, i sindacati minacciano lo sciopero per lo stesso periodo di tempo.

Di contro, gli industriali lombardi ritengono che si tratti di “irresponsabili che strumentalizzano”.

Per sbrogliare la situazione, il premier con Conte ha convocato le parti interessate per la mattina di oggi venerdì 13 marzo.

Potrebbe uscirne uno shutdown per l’Italia, che dopo i blocchi già decretati potrebbe decidere di bloccare anche le attività produttive.

Si attendono novità in merito ai risultati dell’incontro.