Vaccini: l’inchiesta svizzera e la Polonia unico Paese a dire no

Corsa all’acquisto per milioni di euro di vaccini poi mai utilizzati; chi li ha, cerca di rivenderli prima che scadano. L’Oms, attaccato, cambia la definizione di “pandemia”.
L’ex ministro polacco alla Salute non ne comprò neanche uno, ma la Polonia non subì alcuna epidemia.

È una frenetica corsa al vaccino, quella per il coronavirus.

La pandemia da Covid19 che ha colpito il mondo intero seminando panico e terrore, ha visto e tutt’ora vede diversi punti di vista darsi battaglia in merito a come sia meglio affrontare e gestire l’emergenza.

Ma, ancor prima, la battaglia riguarda il capire di cosa realmente si stia trattando. Dalle posizioni definite “complottiste” che individuano nel vaccino solo il grande business (approfondimento al link), a chi sostiene che il vaccino sia utile ed arriverà, si spera, entro la fine dell’anno (approfondimento al link).

Un caso su tutti, però, spicca agli occhi: è quello della Polonia, con l’allora ministro alla Salute Ewa Kopacz, che fu l’unico Paese a non comprare neanche una dose di vaccino in occasione dell’epidemia di H1N1.

Paesi di tutto il mondo scatenarono una corsa all’acquisto dei vaccini, che rimasero poi in molti casi addirittura inutilizzati (nel video sotto riportato si vedono le quote inutilizzate su quelle acquistate).

A livello europeo si spesero circa 5 miliardi di euro, a livello mondiale circa 18 miliardi di euro.

La Svizzera, per esempio, ha venduto all’Iran 750.000 dosi prima che scadessero.

L’Oms, che ha recentemente subìto il ritira degli Usa dall’Organizzazione da parte del presidente americano Donald Trump (approfondimento al link), attaccato sul tema, modificò la definizione di “pandemia” sul suo sito. La definizione medesima passa da “malattia che si diffonde molte velocemente e causa un gran numero di malati gravi e di morti” ad una definizione che non parla di morti e malati, non facendo più percepire la differenza tra influenza pandemica ed influenza stagionale.

L’Oms, a sua volta, si è giustificato definendo l’accaduto come un equivoco.

Di seguito il video con l’inchiesta:

Coronavirus, Montanari: Vaccine is a big scam

What is this? How does it work? Why are we in a state of emergency and what is behind it?
Stefano Montanari comprehensively explains the issues related to the coronavirus.

(Translation by Jolanta Micinska – Hercog)
(Italian version at link)
(Polish version at link – Translation by Magda Żymła)

The hot theme of this period is, for sure, coronavirus.

An invisible and cunning enemy that caused the world to stop.

We tried to imagine what might be behind it (more information under the link) and also engaged our readers (more information at the link).

Today, one of the leading experts in this field comes to the fore: Dr. Stefano Montanari, nanopathologist, professor at the Steliora Centre in Geneva, author of several patents in the field of cardiac surgery, vascular surgery, pneumology and a designer of systems and equipment for electrophysiology, director of the Scientific Laboratory of Nanodiagnostics in Modena, lecturer of several national and international master studies, author of numerous scientific publications, former consultant of the Public Prosecutor’s Office and the Italian Observatory Military. He has been working continuously in publishing with his wife Antonietta Gatti, who has been listed as the top 32 scientists in the world since 2012, and more than twenty years ago, the discoverers of micro- and nanoprosic diseases and disorders have worked with her.

Dr. Montanari, what is the coronavirus that scares us so much?

“It is a chemical chain belonging to the corona family of viruses, of which there are thousands; just think that the usual common cold is usually caused by coronavirus; it is a highly infectious (and therefore contagious) virus, but it is usually harmless – in the vast majority of people without any symptoms (most likely now that we talk, we ourselves have a coronavirus and so has at least half of the Italian population).

In fact, it is a new influenza virus that has the trait that attacks the lungs and therefore pathologically affects the elderly, smokers and people who already have previous ailments, and therefore, in addition to the fact that they suffer from some disease units, they also take certain drugs, for example, hypertension. In general, healthy people are not affected by this virus at all, which, I repeat, becomes ubiquitous and very normal, as are the huge number of other viruses.”

And where was it born?

“I heard everything about it and the opposite of everything; when I hear that it started with bats or snakes, I laugh and think we only miss the unicorn.

I do not know where it came from, only a few people in the world have such knowledge, but viruses like these are very easy to modify, mix, rework in the laboratory … it may happen that you get out of the lab by mistake or intentionally. It certainly wasn’t alone, as former Health Minister Lorenzin might have assumed, when he said viruses were creeping and jumping.”

You say that it is a virus that is not a problem in itself, but people in Italy are dying in more numbers than in China, let us think of Bergamo, for example. If you say so, where do all these deaths come from?

“Look, this is how it works: we fill people, especially the elderly, with flu vaccines and weaken already weak bodies. This is because with the help of a vaccine we intend to inject an old virus into the body (the goal should be to create antibodies), but there are no flu vaccines and therefore we do nothing but weaken the body and subject it to a new flu (even a new coronavirus), and in addition, the old virus was injected into the body, so you have a total of two possible flu in an already overworked body.  The BBC, a British state broadcaster, has issued a report saying that people vaccinated against influenza must remain in isolation for 12 weeks (available at the link). It seems to me that this can already give you a thought. If we take the official numbers of the Higher Institute of Health, we will see that they died “with” coronavirus, then 3 people and personally I have doubts about these 3; in addition, if we pay attention, we will notice that the map of the dead coincides with the map of vaccinations carried out. The higher the density of vaccinated people, the higher the density of people infected with the virus. Official figures are clear: dying people have been affected by other potentially fatal diseases, and often even more than one. Therefore, we say that people die “with” coronavirus, not “because of” the coronavirus.

Finally, I stress that the number of deaths is the same as each year due to normal flu, which proves that the coronavirus has not increased mortality.”

Let me understand: if the problem is not the virus itself, because it is not fatal, it means that the problem is Italian health care. Is that how I should treat it?

“That’s right! The problem is that we are not prepared for so many cases of lung disease; and we are not, because our politicians have not been prepared for the last 10 years. Over the past decade, we have only weakened health care by reducing the number of hospitals, staff, machinery and equipment. Today we need respirants and we don’t have them. In addition, we are reducing education, thus we are not able to train medical staff to the right level or maintain it in Italy because of the devaluation of work, and we do not provide the materials needed by doctors to perform their work. We have fewer than 4 intensive care facilities per 1000 inhabitants: it’s a scandal.

Let us add, finally, a system of widespread corruption, which has two problems; first, for a product that normally costs 10, in Italy you pay 20, using inappropriately the small sum that is available; secondly: doctors must carry out dictatorships of the regime, otherwise they will be deprived of the right to practise… and they also have a family to live.”

You are telling us that the problem is the inadequacy of the health care system and those who have managed it over the last 10 years. If so, does that mean that the provisions that have given us a level of prevention are also wrong?

“Worse, they are often complete nonsense. Just think about wearing gloves: in this way we protect our “good” fungi and bacteria from contact with the virus and fighting it; in these gloves soaked in the virus we go and touch clothes, money, surfaces, etc., spreading the virus everywhere. Masks are useless because the virus is able to enter in huge quantities into a cell, the order of which is the size, is a few thousands of millimeter parts; imagine what mask can do to work on such sizes: nothing!

They tell us to stay at home when we need to go outside, because the sun is necessary, gives us the opportunity to metabolize vitamin D, which is needed for our immune system. And riding a motorcycle, which has always been recommended to maintain good health, is even banned under decree. In short, these recipes prepare the body to adopt not only this virus, but in fact many pathogens. Without taking into account all that is inherent in depression, mood and fear: anything that has the opposite effect on what we need for the body to react. When I worked in Sweden for a while in the early 1970s, the chief doctor said to me, “You see, here is the one who wants to die, and the one who wants to live, survives, and that makes all the difference.”

Going back to vaccines, as far as I understand whether flu injections are some kind of scam?

“It’s not a kind of scam, it’s a real falsehood. The vaccine can only be defined as such for diseases that give immunity (measles, rubella, chickenpox, etc.) and not for colds or flu; I was a student of Luigi Di Bell and said that the cured flu lasts seven days, and the uncured lasts a week. If a real disease does not give immunity, it is absurd to hope that the vaccine can do it, which is nothing more than a disease in the form of an attenuated form.

And even worse are those universal vaccines that have become mandatory for children and without which they cannot go to school. If the vaccine is supposed to prevent the disease, why worry so much about children who don’t? Those who are vaccinated should be safe… but apparently they are not and demand the vaccination of everyone, beyond all control, because any vaccination means money. Money for pharmaceutical companies, with added value, which can not boast any product in the world, up to alms, which doctors shamely accept: a few euros for each injection made.

But I will tell you more: vaccines are legally exempt from all trials, experimentation and have not even been seriously tested for at least 33 years;

And as if that weren’t enough, vaccines are the only product in the world for which no civil or criminal liability is incurred: it is true that if the vaccine creates any problems for the vaccinated person, it receives compensation, but is paid for by the Ministry of Health, not the entrepreneur who registered the vaccine. Let’s add that those who exist in the vaccine business do not have the slightest trouble finding customers, because you are simply obliged to be a buyer, and advertising is provided by the state.”

If I keep up with your line of reasoning properly, I think if flu vaccines are a scam, then the vaccine against corona virus can be a colossal affair.

“Of course! Soon, a little wash will come out of Israel and/or some big pharmaceutical company and these washes will be passed on as a vaccine against the coronavirus. Defining it as such because the epidemic is global, it will force 7.5 billion people to vaccinate: as with many other vaccines, the trader will not even have to waste time looking for his clients, because everyone will be forced to be. The difference is in numbers.”

So the corona pandemic virus is set? Is this why they did not close the stock market (more on this link)?

“It’s one big scam. Think that in 2017, bonds were issued that put on an interesting corona virus infection that would take place between 2020 and 2021: how much money could you earn? who bet on such a seemingly improbable event as this?

Then think about how much money companies lose on the stock market every day. Take a practical example, however: you have a pizzeria, but you have a responsibility to keep it closed and that’s why you don’t make money on it, but in the meantime you have to pay rent, pay staff, bills, taxes, mortgage, if you have it, food stocks lose your shelf life and you have to buy new ones. Time is passing and we don’t really know how long the quarantine will last, but the united environment keeps telling us that it will take longer and longer (we are already talking about October); in the meantime, staying at home, he gets into depression and fear. A nice guy comes and offers to buy a pizzeria for 1000 euros: of course you sell it immediately to free yourself from costs and risks, while considering the buyer as a saint.

The same example is repeated on companies: after the epidemic ends, a small group of people will buy everything and do it at a ridiculously low price, maybe they will even be considered saints or heroes.”

Finally, a bit of a personal question: is it true that you sold your house to raise funds for research? And is it true that the necessary tool for research has been taken away from you?

“It’s true. But it is also true that I would not do it again, given the way they treat us and what we have just seen: people don’t deserve this sacrifice. As for the tool, the electron microscope, they took it to us ten years ago. The fundraiser, which was organized to buy, brings disappointing results, and that’s why I repeat that people don’t deserve anything.”

La Parola ai Lettori – Video del 2015 sul coronavirus: è lui o non è lui?

I social esplodono su un video del 2015. Secondo altri non si tratta dell’attuale coronavirus.
Ce ne hanno parlato i nostri lettori.

Una pioggia di notifiche. Questo è quanto sta arrivando in redazione da parte dei lettori.

Siamo partiti col mettere insieme i punti di vista di più autori ed ipotizzando degli scenari (approfondimento al link); alcuni li hanno ritenuti puramente fantascientifici, altri assolutamente logici.

Sono poi intervenuti i nostri lettori (approfondimento al link) ed infine ne abbiamo parlato con il dott. Stefano Montanari (intervista al link).

Oggi mail e messenger sono presi d’assedio dai nostri lettori. Molti di loro ci segnalano un video andato in onda nel 2015 su “TGR Leonardo” e che, ascoltandolo, ci riporta dritti dritti ai nostri giorni: il video è stato pubblicato anche da “AnsaVideo” ed è reperibile qui.

Altri lettori, assieme al video, ci hanno segnalato la connessione con l’impianto dell’Istituto di Virologia afferente all’Accademia Cinese delle Scienze, cioè laboratorio sanitario specializzato nello studio di agenti patogeni legati a malattie infettive fulminanti, la cui “mission” istituzionale è lo sviluppo di antidoti e vaccini contro virus ad alta diffusione (accedendo al link cliccare su “guarda tutto”).

Dall’altra parte, arriva la segnalazione dell’articolo di “Open” (reperibile al link) in cui si sostiene che il virus del video non sia l’attuale coronavirus.

Lo stesso articolo riporta che il tema era già stato discusso in una precedente occasione (reperibile qui), dove si citava un articolo del “Nature” (reperibile qui); lo stesso articolo che, tra l’altro, era già stato oggetto di contesa da parte dei nostri lettori (come visto sopra): qualcuno lo segnalava come fonte a favore del fatto che il coronavirus non sia nato in laboratorio, altri ne mettevano in discussione la credibilità a causa del conflitto d’interessi tra l’autore dell’articolo e l’azienda in cui si è svolto lo studio, come la rivista stessa segnala nei “commenti etici” in calce alla pubblicazione.

(Si ringraziano, in particolare, per i contributi M. C., G. P., G. D. A., M. G., D. P. e A. L., che ci scrivono da Italia, Polonia e Germania).

Coronavirus, Montanari: la grande truffa è il vaccino

Cos’è, come funziona, perché siamo in emergenza e cosa c’è veramente dietro.
Stefano Montanari ci spiega il coronavirus a 360°.

Il tema caldo di questo periodo è, sicuramente, il coronavirus.

Un nemico invisibile e subdolo che ha calato il sipario a cielo aperto sul mondo intero.

Abbiamo provato ad immaginare cosa ci possa essere dietro (approfondimento al link), facendo intervenire anche i nostri lettori (approfondimento al link).

Oggi, facciamo intervenire sulla questione uno dei massimi esperti in materia: il dott. Stefano Montanari, nanopatologo, professore presso il Centro Stelior di Ginevra, autore di diversi brevetti nel campo della cardiochirurgia, della chirurgia vascolare, della pneumologia e progettista di sistemi ed apparecchiature per l’elettrofisiologia, direttore scientifico del laboratorio Nanodiagnostics di Modena, docente in diversi master nazionali ed internazionali, è autore di numerose pubblicazioni scientifiche, già consulente per Procure della Repubblica e dell’Osservatorio Militare Italiano. Collabora costantemente in pubblicazioni con la moglie Antonietta Gatti, dal 2012 inserita nella lista dei 32 migliori scienziati al mondo, con la quale sono stati gli scopritori delle malattie e patologie da micro e nanopolveri oltre vent’anni fa.

Dott. Montanari, cos’è il coronavirus che tanto ci sta spaventando?

“È una catena chimica appartenente alla famiglia dei coronavirus, dei quali ce ne sono a migliaia, basti pensare che un banale raffreddore di solito è dovuto ad un coronavirus; è un virus altamente infettivo (quindi contagioso) ma che è solitamente innocuo, tanto da rimanere privo di qualunque sintomatologia nella stragrande maggioranza delle persone (molto probabilmente ora, mentre parliamo, noi stessi abbiamo il coronavirus e così come noi almeno la metà della popolazione italiana, ma non ci fa nulla). Di fatto è un virus influenzale nuovo che ha la peculiarità di attaccare i polmoni ed è per questo motivo che va a colpire in maniera patologica le persone anziane, i fumatori e le persone che hanno già problemi pregressi e che quindi, oltre ad avere determinati problemi, stanno assumendo determinati farmaci, per esempio certi ipertensivi. Parlando in generale, le persone sane non subiscono assolutamente danni da questo virus che, ripeto, sta diventando ubiquo e normalissimo, esattamente come un numero enorme di altri virus.

E dove nasce?

“In merito a questo si è sentito tutto ed il contrario di tutto; quando sento dire che è partito dai pipistrelli o dai serpenti mi viene da ridere e penso che ci manchi solo l’unicorno.

Da dove sia nato non lo so, lo sanno solo in pochi al mondo, ma virus del genere sono molto facili da modificare, pasticciare, modificare in laboratorio…poi magari capita che esca dal laboratorio, per errore o volutamente. Di certo non autonomamente come potrebbe ipotizzare l’ex Ministro della Salute Lorenzin, quando diceva che i virus strisciano e saltellano.”

Dice che è un virus che da solo non dà alcun problema, ma la gente in Italia sta morendo più che in Cina, pensiamo a Bergamo, ad esempio. Se è come dice lei, perché tutti questi morti?

“Guardi, funziona così: riempiamo di vaccini antinfluenzali le persone, soprattutto gli anziani, ed andiamo ad indebolire dei corpi già deboli. Questo perché con il vaccino si va ad iniettare nel corpo il vecchio virus (il fine dovrebbe essere quello di creare gli anticorpi) ma non esistono vaccini per l’influenza e quindi non si fa altro che rendere il corpo più debole e soggetto alla nuova influenza (anche il nuovo coronavirus) ed in più si è iniettato nel corpo il vecchio virus: si ha dunque il totale di due possibili influenze in un corpo già precario. La BBC, l’emittente di stato britannica, ha mandato in onda un servizio in cui dice che chi si è vaccinato contro l’influenza deve restare in isolamento 12 settimane (reperibile al link). Mi pare che già questo possa essere qualcosa su cui meditare. Se prendiamo i numeri ufficiali dell’Istituto Superiore della Sanità, vediamo che i morti “di” coronavirus sono 3 e personalmente avanzo dubbi anche su quei 3; inoltre, se lei ci fa caso, noterà che la mappa dei morti coincide con quella dei vaccini effettuati. Più alta è la densità dei vaccinati e più alta è quella degli infettati dal virus. I dati ufficiali sono chiari: chi muore era affetto da altre patologie potenzialmente mortali e, spesso, più di una. Per questo diciamo che si muore “con” coronavirus e non “di” coronavirus. Infine, sottolineo che il numero di morti, comunque si voglia attribuire la causa senza, peraltro erroneamente, fare differenza tra causa e concausa, è lo stesso che ogni anno abbiamo a causa della normale influenza, a riprova che il coronavirus non ha innalzato il tasso di mortalità.”

Mi faccia capire: se il problema non è il virus in sé in quanto non mortale, allora significa che il problema è la sanità italiana. Capisco bene?

“Esatto! Il problema è che non siamo preparati per un’emergenza polmonare; e non lo siamo perché i nostri politici degli ultimi 10 anni erano a loro volta impreparati. Negli ultimi 10 anni non si è fatto che tagliare sulla sanità riducendo il numero degli ospedali, degli addetti, dei macchinari e delle attrezzature. Ad oggi abbiamo necessità di respiratori e non ne disponiamo. In più tagliamo sull’istruzione, non riuscendo quindi a formare personale medico all’altezza o a trattenerlo in Italia a causa della svalutazione del lavoro e, appunto, non fornendogli il materiale di cui i medici necessitano per fare il loro lavoro. Abbiamo meno di 4 posti di terapia intensiva ogni 1000 abitanti: uno scandalo.

Ci aggiunga, infine, un sistema di corruzione capillare che comporta due problemi: il primo, che un prodotto che normalmente costa 10, in Italia lo si va a pagare 20 usando male quei pochi soldi che ci sono; il secondo, che i medici devono eseguire i diktat del Regime altrimenti vengono radiati dall’ordine con la conseguenza di non poter più esercitare la professione…ma anche loro hanno una famiglia da mantenere.”

Ci sta dicendo che il problema è l’inadeguatezza del sistema sanitario e di chi negli ultimi 10 anni l’ha gestito. Se è così, significa che anche le disposizioni che ci hanno dato a livello di prevenzione sono errate?

“Peggio, spesso sono delle autentiche stupidaggini. Pensi al solo fatto di indossare i guanti: così facendo impediamo ai nostri funghi ed ai nostri batteri “buoni” di entrare in contatto con il virus e combatterlo; con quei guanti zuppi di virus incontrastato, poi, andiamo a toccare vestiti, soldi, superfici, eccetera seminando il virus ovunque. Le mascherine sono inutili perché un virus è capace di entrare in quantità enormi in una cellula, che è grande qualche millesimo di millimetro: si figuri cosa può fare una mascherina per agire su dimensioni del genere: niente!

Ci dicono di stare chiusi in casa quando invece serve uscire perché il sole è indispensabile, ci dà la possibilità di metabolizzare la vitamina D, indispensabile per il nostro sistema immunitario. E il moto, da sempre raccomandato per mantenere un buono stato di salute, viene addirittura vietato per decreto. Insomma, quelle disposizioni preparano l’organismo a ricevere indifeso non solo quel virus ma, di fatto, tantissimi patogeni. Senza poi considerare tutto quello che è inerente alla depressione, all’umore ed alla paura: tutte cose che hanno effetto contrario rispetto a quello che ci serve per far reagire l’organismo. Quando, all’inizio degli anni Settanta, lavorai per un certo periodo in Svezia il primario mi disse: “Vedi, qui muore chi vuole morire e sopravvive chi vuole vivere, e questo fa tanta differenza.”

Facendo un passo indietro e tornando ai vaccini, se ben capisco, quelli influenzali sono una sorta di truffa?

“Non una sorta: un’autentica truffa. Il vaccino può essere definito tale solo per malattie che danno immunità (morbillo, rosolia, varicella, eccetera), non per un raffreddore o un’influenza: sono stato allievo di Luigi Di Bella e lui diceva che un’influenza curata dura sette giorni, una non curata dura una settimana. Se la malattia reale non conferisce immunità, è assurdo sperare che lo possa fare un vaccino che altro non è se non la malattia in forma attenuata.

Ed ancora peggio sono quei vaccini polivalenti resi obbligatori ai bimbi e senza i quali non possono andare a scuola. Se un vaccino fosse tale, cioè prevenisse la malattia, perché preoccuparsi tanto dei bambini che non lo fanno? Chi si vaccina dovrebbe essere al sicuro…ma evidentemente non lo è e si pretende di vaccinare chiunque, al di fuori di ogni controllo, perché ogni vaccinazione praticata significa soldi. Soldi per le case farmaceutiche, e con un valore aggiunto che nessun prodotto al mondo può vantare, giù fino alle elemosine che i medici vergognosamente accettano: qualche euro per ogni iniezione praticata.

Ma le dirò di più: i vaccini sono per legge esenti da qualunque sperimentazione e da almeno 33 anni non vengono nemmeno controllati sul serio; come se non bastasse, i vaccini sono l’unico prodotto al mondo a non avere responsabilità né civile né penale: è vero che se un vaccino crea problemi ad una persona questa viene risarcita, ma a farlo è il Ministero della Salute e non l’imprenditore che ha registrato il vaccino. Aggiunga che chi è nel business dei vaccini non ha nemmeno la seccatura di doversi cercare clienti, perché quelli sono obbligati ad esserlo o, comunque, a fare pubblicità provvede lo stato.”

Se la seguo correttamente, mi viene da pensare che se i vaccini influenzali sono una truffa, un vaccino sul coronavirus potrebbe essere la truffa delle truffe, un affare colossale.

“Certo! A breve uscirà una qualche brodaglia da Israele e/o da qualche grande compagnia farmaceutica e la medesima brodaglia verrà spacciata per il vaccino contro il coronavirus. Definendola tale, visto che l’epidemia è globale, obbligheranno 7 miliardi e mezzo di persone a vaccinarsi: come per tanti altri vaccini, l’imprenditore non dovrà nemmeno perdere tempo a cercare i suoi clienti perché tutti saranno obbligati ad esserlo. La differenza la fanno i numeri.”

Ma allora la pandemia di coronavirus è tutta una montatura? È forse per questo motivo che non hanno chiuse le Borse (approfondimento al link)?

“Una grandissima montatura. Pensi che nel 2017 sono usciti dei bond, ovvero delle obbligazioni, che scommettevano su una curiosa infezione da coronavirus che si sarebbe svolta tra il 2020 ed il 2021: pensi a quanti soldi può aver fatto chi ha scommesso su un evento così apparentemente improbabile come questo.

Poi pensi a quanti soldi perdono in Borsa ogni giorno le aziende. Ma facciamo un esempio pratico: lei ha una pizzeria ma è obbligato a tenerla chiusa e, quindi, non fa reddito; nel frattempo però deve pagare l’affitto, il personale, le bollette, le tasse, un mutuo se ce l’ha, le scorte di cibo scadranno e dovrà ricomprarle nuove. Passa il tempo e di fatto non si sa per quanto andrà avanti la quarantena ma a reti unificate continuano a dirci che la cosa durerà sempre di più (già si parla di ottobre); lei intanto, stando a casa, si deprime ed ha paura. Arriva un bel tipo e si offre di comprarle la pizzeria per 1000 euro: lei ovviamente la venderà subito per togliersi costi e rischi, ritenendo pure l’acquirente un santo.

Lo stesso esempio lo replichi sulle aziende: una volta passata l’epidemia, un ristretto gruppo di persone avrà comprato tutto e lo avrà fatto ad una cifra irrisoria, magari passando pure per santo o per eroe.”

Infine, una domanda un po’ personale: è vero che ha venduto la casa per dare fondi alla ricerca? Ed è vero che le hanno portato via lo strumento essenziale per la ricerca?

“È vero. Ma è altrettanto vero che non lo rifarei, visto il trattamento che ci stanno riservando e che abbiamo appena visto: quel sacrificio la gente non lo merita. Per ciò che riguarda lo strumento, un microscopio elettronico, ce lo portarono via dieci anni fa. La raccolta fondi messa in atto per comprarne uno sta dando risultati deludenti, e anche per questo le dico che la gente non merita niente.”

(Versione polacca a cura di  Magda Żymła al link)
(Versione inglese a cura di Jolanta Micinska – Hercog al link)