Von der Leyen: 70% dell’Europa vaccinata entro l’estate

Limitare il virus e stabilizzare le forniture di vaccini le priorità.
“Scelta giusta restare nell’Ue”.

In un’intervista rilasciata a “Repubblica”, la presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen, si è mostrata assolutamente fiduciosa del piano anti-covid e degli strumenti messi in campo per attuarlo.

Le priorità sono quelle di limitare l’espandersi del virus e garantire un adeguato approvvigionamento ai vaccini.

L’obiettivo è quello di vaccinare il 70% dei cittadini europei entro l’estate.

Più precisamente, sostenendo che il tutto sarà possibile solo grazie al coordinarsi come Unione europea, le sue parole sono state le seguenti:

“Sono estremamente fiduciosa. Ora siamo concentrati a fare di tutto per ridurre la diffusione del virus aumentando e stabilizzando le forniture dei vaccini. Sono profondamente convinta che capiremo tutti che l’approccio giusto era di stare insieme come Unione europea.”

La Parola ai Lettori – Come Draghi ha distrutto l’Italia

Il fondatore della Stankov’s Universal Law Press espone il suo punto di vista su Mario Draghi, nuovo premier italiano.

La nomina di Mario Draghi a nuovo presidente del Consiglio italiano è un grande crimine perpetrato nei confronti del popolo italiano.

Dico questo perché ritengo, semplicemente, che quest’uomo sia il più grande criminale d’Italia e, il suo posto sarebbe in prigione.

Di seguito spiegherò come Draghi abbia rovinato l’Italia 30 anni fa prima di diventare presidente della BCE e distrutto le economie di tutti i paesi dell’UE tra il 2011 e il 2019 con la sua spericolata politica finanziaria.

In questo modo, presenterò anche una panoramica di quanto sia corrotto e fragile il sistema bancario dell’UE e perché crollerà nel prossimo futuro.

Il “rettiliano” Draghi è al centro di tutte le macchinazioni finanziarie degli ultimi trenta e più anni, macchinazioni che quest’anno porteranno alla rovina dell’euro.

L’articolo completo è reperibile al link.

Mustier lascerà UniCredit dopo i risultati del 2020

Orcel pronto a diventare il nuovo Ceo.
Ufficialità solo a metà aprile.

Jean Pierre Mustier, l’AD di UniCredit, sarebbe pronto a lasciare il suo posto dopo la presentazione dei risultati di bilancio del 2020.

La presentazione dei dati sopracitati avverrà in data 11 febbraio, salvo variazioni di programma.

A riferirlo sarebbero fonti vicine alla situazione, come riporta “Reuters”, anche se UniCredit per il momento non ha rilasciato alcun commento a riguardo.

Come anticipato pochi giorni fa (approfondimento al link), il sostituto parrebbe essere Andrea Orcel, ex Ubs.

La sua nomina, comunque, non verrebbe ufficializzata prima di metà aprile, dopo l’assemblea sul rinnovo dell’intero board.