Covid: colpo di scena sulle origini

Si intensificano i collegamenti tra il virus ed il laboratorio di Wuhan.
La Cina chiese di eliminare dati dal National Institutes of Health.

Continuano sempre più insistentemente le connessioni che collegano la nascita del virus Covid-19 al laboratorio di Wuhan.

Dopo le recenti dichiarazioni di una scienziata inerenti alle indagini non fatte per non essere associati a Trump (approfondimento al link) e lo studio in cui si riporta che il virus sia un probabile incidente di laboratorio (approfondimento al link), arriva un altro fatto perlomeno curioso in merito alle origini del Covid-19.

Come riporta l’Agi, che a sua volta cita il Wall Street Journal, “le sequenze genetiche dei primi casi di Covid-19, registrate su un database Usa, sarebbero state eliminate, su richiesta della Cina, rendendo più difficile la ricostruzione delle origini della pandemia”.

Stando a quanto riportato dal quotidiano economico-finanziario americano, infatti, il National Institutes of Health (NIH) ha confermato di avere cancellato i dati in seguito alla richiesta dello stesso ricercatore cinese che li aveva forniti pochi mesi prima, precisando quanto di seguito:

Chi ha i diritti sui dati può legittimamente chiederne il ritiro.”

Continuando, si legge che i dati mancanti includono sequenze di campioni di virus raccolti a Wuhan all’inizio del 2020 ma che alcune delle informazioni che sono state cancellate sono ancora disponibili su un articolo scientifico già pubblicato.

Report Eurasia 2020: lo scenario che verrà

L’Agi ha ricevuto copia del report Eurasia 2020, che fa una previsione sullo scenario che verrà.

L’Agi ha ricevuto una copia del report Eurasia 2020, emessa annualmente dalla società di analisi del politologo americano Ian Bremmer.

Il report esamina i dieci “maggiori rischi” che caratterizzeranno l’anno a livello globale. Lo stesso Bremmer, con riferimento allo scontro tra Usa ed Iran, dichiara:

Non è il rischio più alto per il 2020 per la presenza di una grande pressione contro la guerra. L’Iran è un convinto avversario degli americani ma consapevole della forza militare degli Usa. Teheran ha inoltre una storia di rinunce davanti alla minaccia di un Paese più forte”.

Inoltre, continua l’analisi del report, il presidente americano Donald Trump vorrà evitare il rischio di esporsi troppo a livello militare per non avere una ricaduta dal punto di vista elettorale per le prossime elezioni.

Ciò nonostante, il rapporto tra i due Paesi sarà, secondo Bremmer, “mortale e destabilizzante” sotto un profilo geopolitico: l’Iran continuerà a colpire le petroliere nel Golfo e porterà avanti attacchi cyber contro cittadini e aziende degli Stati Uniti e i loro alleati.

Infine, il report conclude indicando i risvolti economici che vanno ad influenzare il costo del petrolio e l’evolversi della situazione dal punto di vista degli asset di influenza:

La situazione porterà ad un rincaro medio di 5-10 dollari al barile del petrolio e ad una volatilità crescente. Aumentano le possibilità che i soldati americani vengano espulsi dall’Iraq. Mentre gli Usa perderanno molto, l’Iran sarà solo un vincitore relativo. Vladimir Putin, invece, ha già vinto, avendo accresciuto la sua influenza in Medio Oriente“.