Coronavirus, Becchi: “Even God Will Not Save Us”

In the name of security, freedom was taken from us. We are trying to stop the virus that has already won: politics, church and constitution have disappeared and with them ages of civilization.

(Translation by Jolanta Micinska – Hercog)
(Italian version at link)
(Polish version at link)

The times we live in are very uncertain. Uncertainty reigns in many ways. The virus is not fully known, from those who identify it with the flu to those who treat it as the worst disease. Therefore, it is not known how to behave: whether to block everything or live a normal life. One thing is certain, however: this sudden change changes.

We talked about this with Professor Paolo Becchi, a former researcher at the University of Saarland in Germany, a scholarship holder of Deutscher Akademischer Austauschdienst (DAAD), then Alexandre von Humboldt-Stiftung, lecturer at the Swiss University of Lucerne and currently a professor of philosophy of law at the University of Genoa.

Our habits are challenges to freedom, which we took for granted.

Professor, what are your thoughts on the current situation?

“The world that appears in my last book „Democracy in Quarantine” written with the participation of Giuseppe Palma, which will be published for the Jubilee next week, presents my point of view, refers to the novel” Blindness “by Saramango. This is a story of a sudden epidemic where everyone has lost his sight. And, in a similar way, we have also become like that because of the virus that has infected our democracy, freedom, conscience and lifestyle. I think there is no point in saying “sooner or later we will beat him” because it has already won. However, it bothers me why I can’t find the answer to how it is possible that the Italian government resigned so quickly from the constitutional provisions on freedom, which was previously considered sacred in the name of “survival”. See, in the name of security, freedom has been taken from us. This is the fact.”

When thinking about a pandemic, the government sometimes has to make difficult decisions to guarantee the protection of human life, don’t you think?

“I understand everything, but there are different ways. It is enough to compare our neighbors. I do not mean Sweden, where the philosophy of action is completely different, let’s look at Germany, where clear laws and sanctions have been established, without restricting movement. What is only an exception with us is a norm for Germans. In South Korea, a smart tracking system was used that does not take away the freedom of 60 million from the public, unlike that used in Italy. A similar system was applied by Zaia in Veneto, which gave very good results. It is also worrying that there is censorship in Italy. The task force has the task of eliminating information which the authorities consider unreliable. “
In your opinion, therefore, is the fault on the political side?
“Of course, and more.
There is a lack of democracy. The state operates on the decrees of the Prime Minister as administrative acts that do not pass the parliamentary vote or the president’s approval. There are also no State-Regions relationship. In Germany, Angela Merkel successively organized meetings with representatives of the Länder, where decisions were made regarding individual regions, always taking into account the balance between freedom and security. In our state, the fault lies also with the opposition, which paradoxically rejected the ball on the opposite side, to the detriment of the citizens. In addition, serious decisions are made on the basis of technical and scientific opinions of “experts” who do not have an unanimous opinion. These scientists decide about our lives, they do not know the answer to the question whether the virus is a form of life or not. We have moved from the state of the right to a therapeutic state. Public opinion and the church are also a problem. “

In what sense?

“There is no information abroad about what the situation really looks like in Italy, because you usually read newspapers such as” La repubblica “and” Corriere della sera “who operate on a task force basis, as I mentioned above. We are forced to quarantine, during which most people watch TV all day, which it broadcasts, which strengthens the right decision on restrictions by the Italian government and that’s what quarantine is for. The situation is typical for an authoritarian regime that creates a climate of fear.”

Speaking of Church responsibility, what do you mean?

“People die without contact with loved ones, alone, without a chance to say goodbye, not to mention the funeral, where they are celebrated in Germany all the time. We have deceased treated as toxic waste. The church has always been sensitive to the sick and suffering, and is silent today. St. Francis hugged lepers, and Pope Francis did not even have the courage to meet what was going on, fighting to preserve the anointing of the sick and a dignified burial. The church has always been present throughout all epidemics. “
What are your predictions for the future?
“We participate in a great social experiment that aims to verify how far you can go to bring the whole country down. This experiment will succeed. It is a country where I did not expect to give up fundamental human freedoms, a Catholic country that would give up the worship of the dead, an anti-fascist country that gave up constitution-based democracy. A state without immunity. The limit has been exceeded, unlike Heidegger, I think that even God cannot save us.”

Coronavirus, Becchi: “Neanche un Dio potrà salvarci”

Nel nome della Sicurezza ci hanno tolto la Libertà.
Cerchiamo di sconfiggere un virus che ha già vinto: Politica, Chiesa e Costituzione sono spariti e, con loro, secoli di civiltà.

(Versione Polacca al link)
(Versione inglese al link – traduzione di Jolanta Micinska – Hercog)

È un momento decisamente incerto, quello che stiamo vivendo.

Alla quiete esterna imposta dalla quarantena, si contrappongono stati d’animo concitati e rigidi decreti.

L’incertezza regna sovrana sotto molti aspetti. Non si conosce il virus fino in fondo, da chi lo parifica all’influenza fino a chi lo tratta come la peggior malattia mai esistita; di conseguenza, non si sa come comportarsi: c’è chi sostiene la tesi del “blocchiamo tutto”, chi quella del “tutto aperto”, passando per chi propone un “socchiuso”.

Una cosa è però certa: questa emergenza sta cambiando le nostre abitudini e sta mettendo in discussione delle Libertà che davamo per scontate.

Ne abbiamo parlato con il professor Paolo Becchi, già ricercatore in Germania nella Università di Saarland, borsista prima del Deutscher Akademischer Austauschdienst (DAAD) e poi della Alexander von Humboldt-Stiftung , ha insegnato anche in Svizzera presso l’Università di Lucerna, ed è attualmente professore ordinario di Filosofia del Diritto presso l’Università di Genova.

Professor Becchi, qual è il suo punto di vista in merito all’attuale situazione?

Il modo in cui apro il mio ultimo libro dal titolo “Democrazia in quarantena” (scritto con Giuseppe Palma), che uscirà per “Giubilei” la prossima settimana, rappresenta bene il mio punto di vista, ovvero citando “Cecità” il romanzo di Saramago: è la storia di un’improvvisa epidemia dove tutti diventano ciechi; e pure noi lo siamo diventati, ma a causa del virus che ha infettato la nostra democrazia, le nostre Libertà , la nostra coscienza e il nostro modo di vivere.

Credo sia inutile continuare a ripeterci “prima o poi riusciremo a sconfiggerlo” perché ha già vinto lui. La cosa più sconcertante alla quale non riesco a trovare una risposta è come sia stato possibile che un Paese abbia nel giro di pochissimo tempo rinunciato progressivamente a Libertà costituzionali da sempre ritenute inalienabili, senza neanche battere ciglio, per salvare la “nuda vita” (che potremmo definire sopravvivenza ) a scapito della Vita con V maiuscola. E con “Paese” intendo tutto il sistema Paese: partendo dalla politica (governo ed opposizione) fino ad arrivare alla Chiesa, passando per l’opinione pubblica e la società civile.

Vede, nel nome della Sicurezza ci hanno tolto la Libertà. Questo è il punto.”

Stiamo pur sempre parlando di una pandemia, l’elevato rischio che porta con sé può aver indotto il governo a prendere decisioni particolarmente forti al fine di non perdere troppe vite umane, non crede?

Capisco tutto, ma c’è modo e modo. Ci basta fare un confronto internazionale: non voglio parlare di Stati che conosco poco come per esempio la Svezia che ha avuto un approccio completamente diverso, ma per esempio in Germania, dove comunque ci sono limiti e sanzioni ben precisi, “il movimento è sempre naturalmente possibile”. Quello che da noi è l’eccezione (uscire solo per fare la spesa), per i tedeschi è la regola.

In Sud Corea hanno adottato un sistema di smart tracking che è diverso dal togliere le Libertà a sessanta milioni di cittadini come sta avvenendo da più di un mese in Italia ; è un po’ quello che ha fatto Zaia in Veneto e che ha dato ottimi risultati.

Aggiungiamoci poi il fatto di aver sacrificato la libertà di espressione: è stata creata una task force che ha come compito quello di individuare tutti coloro che dicono qualcosa che vada contro ciò che loro ritengono giusto.” in questi giorni ho sottoscritto persino un Patto per la libertà di espressione, perché ormai in Italia vige la censura.

Quindi, secondo lei, quello che sta mancando è il ruolo della politica?

Certo, ma non solo.

Stiamo andando avanti a decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri, vale a dire sulla base di atti amministrativi che non passano né dal Parlamento né dalPresidente della Repubblica. Il primo decreto, tra l’altro, era talmente illegittimo che lo stesso premier Conte ha dovuto abrogarlo sostituendolo con un altro.

È evidente che sia evaporato il sistema democratico: non si possono prendere decisioni da stato emergenziale tramite decreti che non possono essere discussi in Parlamento o che non possono essere contestati a livello di Corte Costituzionale proprio perché sono atti amministrativi.

Mentre in Italia è totalmente mancato il rapporto Stato-Regioni, in Germania Angela Merkel ha fatto riunioni su riunioni insieme a tutti i Länder ed insieme hanno deciso zona per zona cosa fosse meglio fare: tutto un alto sistema. Lì, da sempre, il dibattito è stato orientato alla ricerca di un bilanciamento tra Libertà e Sicurezza.

Ma da noi la responsabilità è anche dell’opposizione, perché invece di fare un’opposizione seria, con tutte le difficoltà che ci possano essere, si è limitata sinora in larga parte a giocare a rialzo: se il governo dice “chiudiamo Bergamo” l’opposizione dice “chiudiamo la Lombardia”, se il governo dice “chiudiamo la Lombardia” l’opposizione dice “chiudiamo l’Italia”. Ma si va poco lontano così facendo, siamo ben distanti dai problemi veri.

Ci aggiunga infine che il ruolo della politica, e ripeto tutta, è stato sostituito da professionisti ed esperti. Ora si prendono le decisioni sulla base dei pareri del comitato tecnico-scientifico, le decisione le prendono gli esperti che non sono nemmeno in accordo tra di loro ed esprimono le loro opinioni su certezze che non ci sono perché ad oggi, per esempio, in campo medico è ancora aperta la discussione in merito al fatto se un virus sia o meno una forma di vita. Questi scienziati decidono sulle nostre vite senza avere neanche delle basi certe perché loro stessi dichiarano che il dibattito su cosa sia un virus è ancora aperto.

Siamo passati dallo stato di diritto allo stato terapeutico.

Altri problemi sono l’opinione pubblica e la Chiesa.”

In che senso?

All’estero non si sa niente di quello che accade in Italia, perché all’estero si leggono al massimo due giornali italiani: “La Repubblica” e “il Corriere della Sera”, i quali riportano solo informazioni allineate a quello che la task force detta, come dicevamo prima.

Siamo obbligati alla quarantena e le persone stanno in casa tutto il giorno a guardare la tv, che pubblica di continuo un certo tipo di informazioni: è normale che poi la gente sia anche convinta che quella attuale sia l’unica strada percorribile; è la propaganda, serve a questo.

Conte fa le dirette televisive senza contraddittorio: questo è tipico di un regime autoritario.

Ci aggiunga poi il fatto che con tutte queste censure ed una task force che ha il compito di multare (con carcere e pena pecuniaria) le notizie da loro ritenute false, capirà che si crea anche un clima di paura.

Poi c’è una distrazione di massa: mentre ci tolgono tutte le Libertà, ci fanno concentrare sul problema se il Mes lo abbia firmato Berlusconi nel 2011 o Monti nel 2012. Ok lo ha firmato Monti, ma è rilevante oggi questa discussione ? ”

Parlando di responsabilità ha citato anche la Chiesa, cosa intende?

È venuta completamente meno la libertà di poter avere una degna sepoltura, un funerale, e questo non esiste da nessun’altra parte del mondo: i funerali in Germania si fanno. Qui abbiamo persone che sono morte senza vedere i propri familiari. Moribondi lasciati morire in condizione degradanti. Cadaveri bruciati come residui tossici.

Se, come dice Vico, la civiltà nasce con la sepoltura dei defunti, capiamo che siamo passati dalla civiltà alla barbarie.

La Chiesa ha sempre avuto la massima attenzione per i malati e le loro sofferenze. San Francesco abbracciava i lebbrosi, papa Francesco non ha neanche avuto il coraggio di dissentire da quello che sta succedendo e dire che per un credente almeno l’estrema unzione doveva essere garantita e funerali e degna sepoltura andavano rivendicati.

Nei confronti di altre epidemie la chiesa prevedeva regole specifiche per dare l’estrema unzione ai malati contagiosi; anche oggi ci sono i malati contagiosi, ma è mancato qualsiasi conforto religioso. ”

Se la seguo correttamente e capisco bene quello che intende, possiamo dire che tutto è venuto meno, l’intero sistema Paese. Se così è, quali scenari vede per il futuro?

È stato un grande esperimento sociale per vedere fino a che punto si può spingere un Paese per portarlo alla propria rovina. E l’esperimento è riuscito.

È un Paese che io non pensavo potesse accettare così passivamente tutto quello che ha accettato; un Paese “liberale” che ha rinunciato alle sue libertà fondamentali, un Paese “cattolico” che ha rinunciato al culto dei morti, un Paese “antifascista” che ha rinunciato alle regole democratiche previste dalla sua Costituzione. Un Paese, insomma, privo forze immunitarie.

Il limite è stato superato, a differenza di Heidegger credo che neppure un Dio potrà salvarci .”