Fondi a tv e radio che trasmettono i messaggi Covid dettati dal governo

Il fondo è stato istituito dal governo Conte II, poi ampliato dal governo Draghi.
50 milioni di euro il primo stanziamento, 20 il secondo.

L’esecutivo del governo Conte II aveva istituito un fondo di 50 milioni di euro destinato alla tv ed alle radio locali che si rendevano disponibili a trasmettere i messaggi dettati dal governo.

Come riporta “borsainside”, sulla Gazzetta Ufficiale del novembre 2020 troviamo quanto di seguito:

Alle emittenti radiofoniche e televisive locali che si impegnano a trasmettere i messaggi di comunicazione istituzionali relativi all’emergenza sanitaria all’interno dei propri spazi informativi è riconosciuto, per l’anno 2020, un contributo straordinario per i servizi informativi connessi alla diffusione del contagio da Covid-19.”

Il Fondo emergenze emittenti locali indica poi:

Le emittenti radiotelevisive locali beneficiarie si impegnano a trasmettere all’interno dei propri spazi informativi i messaggi di comunicazione istituzionale relativi all’emergenza sanitaria che saranno resi disponibili tramite la piattaforma messa a disposizione del Ministero dello Sviluppo Economico.

Le linee guida per la messa in onda di questi spot prevedono una durata complessiva minima della rotazione di messa in onda di 60 giorni, con la possibilità quotidiana di essere mandati in onda da un minimo di 11 ad un massimo di 20 messaggi da parte del Ministero.

Più alto è il numero degli spot trasmessi da parte delle emittenti e, ovviamente, più alti sono i fondi che queste ricevono.

Il medesimo fondo è stato poi ampliato dal governo Draghi per ulteriori 20 milioni di euro.

Fondi per diffondere messaggi a tutela della salute pubblica o bombardamento mediatico? A voi l’interpretazione.

Governo Draghi: il sondaggio sul gradimento è negativo

Aspettando di valutarne l’operato, il sondaggio misura la soddisfazione della squadra di governo.
Esito altamente negativo: dove nasce il malcontento?

Al via il governo Draghi.

Tanta era l’attesa per scoprire quale fosse la squadra che il nuovo premier avesse in mente; altrettanta, stando al sondaggio, la delusione.

General Magazine ha lanciato un sondaggio sul suo profilo twitter per cercare di captare il grado di soddisfazione, ovviamente in prima battuta, da parte dei cittadini.

I giudizi li faremo, come corretto, sull’operato. La valutazione della squadra di governo messa in piedi dall’ex presidente della Bce, però, non ha attualmente raggiunto il gradimento dei nostri lettori.

Chiedendo se la lista dei ministri fosse soddisfacente, è risultato schiacciante il “No” (80%); seguito dal “Più no che si” (16%), lasciando solo le briciole al “Si” (1%) ed al “Più si che no” (3%).

Di seguito lo screenshot dell’esito:

Ovviamente dal sondaggio non emerge se il disappunto sia inerente alla squadra in maniera esclusiva o se il malcontento si sia manifestato a causa del premier stesso o ancora per come l’attuale governo è nato, ovvero visto come una “grande ammucchiata”.