Coronavirus: l’origine resterà ignota

Sull’origine del virus si susseguono studi e teorie diverse, tanto da far pensare che la verità non si saprà mai.

Così Maria Rita Gismondo, Direttrice di microbiologia clinica e virologia dell’ospedale “Sacco” di Milano, su un articolo pubblicato su “Il Fatto Quotidiano“.

Come dice la Gismondo, “The Lancet” e “Nature” riportano che l’infezione abbia iniziato a diffondersi nella prima metà di dicembre 2019 con 41 casi di polmonite con causa non chiara nella città di Wuhan e che, sempre secondo queste fonti, il primo caso risale al primo dicembre.

Si era detto che, aggiunge poi l’esperta, visti gli usi di macellazione e di vendita di diversi animali in questi tipici mercati cinesi ed esattamente com’era avvenuto per il coronavirus della Sars, anche questo virus poggiasse le sue radici su un mercato “umido”.

Riprendendo letteralmente le osservazioni pubblicate, notiamo però quanto di seguito:

“Purtuttavia si è presto accertato che il primo caso registrato fosse una persona che non si era recata al mercato ittico di Wuhan. “La comparsa dei sintomi nel primo paziente identificato risale al primo dicembre 2019”, si legge su The Lancet: “Nessuno dei suoi familiari ha sviluppato febbre né altri sintomi respiratori”. Al momento, inoltre, “non ci sono legami epidemiologici fra il primo paziente e gli altri casi”. A complicare il quadro, i risultati di studi effettuati sui primi 41 casi esaminati dal gruppo di ricerca cinese guidato da Chaolin Huang dell’ospedale Jin Yin-tan di Wuhan: 27 soggetti (pari al 66%) erano stati al mercato a partire dal 10 dicembre, gli altri no”.

La Gismondo, quindi, prosegue:

“Dietro l’angolo l’ipotesi del complotto che ha anche assunto un profilo ufficiale. È proprio un funzionario governativo cinese ad accusare gli americani di averlo introdotto (involontariamente) durante i Giochi internazionali dei militari tenutisi a Wuhan nel novembre 2019.”

La teoria del complotto era già stata affrontata anche mettendo insieme i unti di vista di altri autori (approfondimento al link). In merito all’origine del virus, come già riportato anche nei nostri precedenti articoli (approfondimento al link), ad oggi la pista che sembra essere la più credibile è quella di “Nature” in cui si dichiara che il covid19 non è stato creato in laboratorio; questo articolo, tuttavia, dichiara in calce (precisamente nello spazio dedicato ai “commenti etici”) un conflitto d’interessi tra l’autore dell’articolo e l’azienda che ha condotto lo studio.

Sempre la Gismondo fa notare poi quanto di seguito:

Un paper ha evidenziato strane evidenze di inserti in coronavirus di proteine di Hiv: Uncanny similarity of unique inserts in the 2019 – nCoV spike protein to HIV-1 gp120 del Kusuma School of Biological Sciences, University of Delhi, India. La ricerca è stata stranamente ritirata due giorni dopo la pubblicazione“.

Sull’origine del virus, conclude quindi l’esperta, la verità non si saprà mai.