Coccodrilli e serpenti per potenziare il muro di Tijuana

La nuova idea del Presidente Trump per rinforzare il muro al confine col Messico sarebbe quella di utilizzare anche serpenti e coccodrilli.

Il muro lungo il confine tra Usa e Messico torna a far parlare di sé.

Iniziata nel 1990 sotto la guida del presidente George H. W. Bush con la strategia della “Prevenzione attraverso la Deterrenza”, la barriera serve ad impedire agli immigrati illegali di oltrepassare il confine statunitense.

I lavori, volti al potenziamento del muro, sono poi proseguiti nel 1994 durante l’era Clinton, che aggiunse una presenza fissa di forze di polizia al confine.

Il muro di Tijuana vanta dimensioni paragonabili a quelle della muraglia cinese ed è composto da lamiera metallica sagomata alta dai due ai quattro metri, dotata di illuminazione ad altissima intensità, di una rete di sensori elettronici e di strumentazione per la visione notturna, connessi via radio alla polizia di frontiera statunitense, che inoltre utilizza un sistema di vigilanza permanente effettuato con veicoli ed elicotteri armati.

La barriera è una volontà bipartisan: il 14 settembre 2006, infatti, la Camera dei Rappresentanti approvò con una votazione di 283 voti a favore e 138 contrari la risoluzione 6061 (H.R. 6061) del Secure Fence Act datata 13 settembre 2006, che fu presentata al Congresso a maggioranza Repubblicana e sotto la presidenza di George W. Bush. Il 29 settembre 2006 il Senato confermò l’autorizzazione con una votazione di 80 a favore e 19 contrari, dove tra i democratici che in quell’occasione votarono a favore vi furono anche la futura candidata alla presidenza Hillary Clinton e l’allora senatore dell’Illinois Barack Obama.

Durante la presidenza Trump, il Pentagono ha poi notificato al Congresso la decisione di autorizzare lo stanziamento di un miliardo di dollari volto a iniziare la costruzione di un nuovo muro lungo il confine messicano.

Non solo. La cifra non è che una prima tranche di risorse; dopo la dichiarazione dello stato di emergenza nazionale, infatti, per il muro arriveranno circa altri 1,5 miliardi di dollari, come da programma dell’amministrazione. Due miliardi e mezzo in totale.

Pubblicamente, Donald Trump aveva già suggerito che i soldati sparassero ai migranti che tiravano sassi; gli fu spiegato che la cosa era illegale e quindi il presidente propose che si sparasse alle gambe.

Il New York Times, citando una dozzina di dirigenti Usa, riporta che lo stesso presidente abbia chiesto ai suoi collaboratori di stimare i costi per effettuare una trincea d’acqua piena di serpenti e coccodrilli.

Autore: Francesco Puppato

Vive in Polonia dove ricopre il ruolo di Plants Controller per Rosa Europe; parla quattro lingue (italiano, inglese, polacco e francese) ed ha precedentemente lavorato nel dipartimento finanziario della Holding Orange1. Laureato in Economia Aziendale con indirizzo in Management ed Organizzazione presso l'Università degli Studi di Udine, ha anche un Master in "Gestione delle Risorse Umane ed Organizzazione del Lavoro" conseguito presso lo stesso ateneo. Dal 2015 al 2020 ha curato la rubrica "About economy and Social Equity"  per la rivista "Economia - ecaroiundworld", dal 2017 al 2019 ha collaborato con "Wall Street Italia", nel 2019 con "Economista.info" mentre dal 2020 collabora con "Wall Street Cina" e "Gazzetta Italia". Founder di "General Magazine", ha ottenuto, tra gli altri, il patentino Bloomberg, l'Europass Mobilità e l'ECDL.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.